INNESTI 2.0 _ “cesti contemporanei”

INNESTI nasce da un “concept” dell'architetto Sandra Faggiano, nel quale fonde materiali diversi, lavorazioni tradizionali miscelate a texture estetiche e contemporanee, suggestioni antiche con funzioni nuove.

Una maxi-boule, un grosso contenitore porta frutta da “terra”, che sottintende un nostalgico ritorno alle radici a partire da piccoli gesti-oggetti di vita quotidiana.


La base è realizzata con impasto di in cemento, acqua e filati di canapa grezza, il tutto lavorato riscoprendo le tecniche della cartapesta.  La parte superiore si prevede possa essere realizzata in vimini o giunchi intrecciati con le modalità di lavorazione dei “panari”, magari con risultati-soluzioni sempre differenti. (in collaborazione con artigiani locali)


La sperimentazione permette di ottenere manufatti in cemento molto resistenti ma leggeri e sottili. Una sorta di cls armato, ma di canapa idraulica al naturale. Tutti i pezzi della collezione presentano in rilievo, sul fondo della superficie interna, decori tipici dei ricami e/o arabeschi, che sembrano così quasi “scolpiti” nel cemento.

Dal “lato romantico passiamo a quello più ”materico”: sulla superficie esterna ogni boules presenta una grana ruvida, quella che riporta i segni veri e propri tipici del cemento (in questo caso bianco ma realizzato anche in grigio), assieme ai filati di canapa incastrati in esso.